Skip to main content

Non si contano i bambini che, ogni giorno, in tutto il mondo vanno a scuola a stomaco vuoto; in queste condizioni, è difficile concentrarsi sulle lezioni. Molti bambini, invece, addirittura non frequentano la scuola, perché le famiglie hanno bisogno del loro aiuto nei campi o in casa.

Per tutti loro,un pasto a scuola al giorno può significare non solo una nutrizione e una salute migliori, ma anche maggiore accessibilità all'istruzione e migliori risultati scolastici. Si tratta, altresì, di un forte incentivo a mandare regolarmente i bambini a scuola.

Nel 2016, il WFP ha fornito pasti a scuola a 16,4 milioni di bambini in 60 Paesi e in 76.000 scuole. Di questi bambini, 1,7 milioni hanno ricevuto pasti scolastici in condizioni d’emergenza. Il WFP ha fornito assistenza tecnica a programmi governativi in 60 Paesi, assistendo ulteriori 45 milioni di bambini.

Le caratteristiche specifiche del programma di alimentazione scolastica sono varie e possono prevedere la somministrazione della colazione, del pranzo o di entrambi i pasti. In alcuni programmi si forniscono pasti completi, mentre in altri si distribuiscono biscotti fortificati ad alto contenuto energetico o spuntini nutrienti, ad esempio barrette di datteri. Alle famiglie vengono date razioni alimentari e/o sussidi in denaro come incentivi per tenere i figli a scuola, a condizione di assicurarne una frequenza regolare. 

Quando possibile, viene usato cibo prodotto localmente. In 46 Paesi, i programmi di alimentazione scolastica sono collegati alle produzioni dei piccoli agricoltori locali, coniugando così i benefici sul piano nutrizionale e dell'istruzione con un impatto positivo sull'economia locale. In partnership con la società civile, i programmi di alimentazione scolastica possono contribuire a creare fiducia nei sistemi d'istruzione nazionale e favorire l'inclusione sociale. In Tunisia, dove il programma nazionale di alimentazione scolastica raggiunge 240.000 bambini in 2.500 scuole, i giovani del luogo lavorano come operatori della ristorazione, garantendo la partecipazione a livello locale.

I programmi possono essere mirati a specifici gruppi di bambini, fra cui quelli costretti al lavoro infantile o quelli che sono stati esposti all'HIV/AIDS. Essi possono altresì prevenire il matrimonio precoce delle bambine e le gravidanze infantili, nonché aiutare le giovani donne a trovare lavori meglio pagati grazie all'istruzione ricevuta. In Malawi, un programma congiunto del WFP, dell'UNICEF e dell'UNFPA è stato progettato specificamente per superare diverse barriere culturali che impediscono alle bambine di andare a scuola.

Durante le crisi, i pasti a scuola sono in grado di soddisfare i bisogni nutrizionali fondamentali, oltre a riportare i bambini sui banchi di scuola. In Egitto, Giordania e Libano, i pasti a scuola stanno aiutando i bambini rifugiati siriani a migliorare la loro nutrizione e proseguire l'istruzione: un investimento nel futuro di questi bambini e della regione. 

76.000
le scuole in cui il WFP ha fornito pasti scolastici nel 2016
16,4 milioni
i bambini che in 60 paesi hanno ricevuto pasti o snack grazie al WFP nel 2016
45 milioni
i bambini raggiunti nel 2016 in paesi in cui il WFP fornisce assistenza tecnica a programmi governativi