Skip to main content

Le emergenze sono delle “situazioni urgenti nelle quali è chiaramente dimostrabile che uno o più eventi verificatisi sono causa di sofferenza umana o rappresentano una minaccia imminente per la vita o per i mezzi di sussistenza, e per i quali il governo interessato non ha la possibilità di porvi rimedio; si tratta di uno o più eventi chiaramente fuori dalla norma che producono uno sconvolgimento nella vita di una comunità in misura eccezionale.”

Per più di 50 anni, il World Food Programme ha fornito assistenza alimentare di emergenza, spesso in situazioni di conflitto, post-conflitto o a causa di disastri naturali.

E continuiamo ancora oggi ad assistere milioni di sfollati, di persone che hanno perso la casa o che sono state private delle risorse di base a causa di eventi catastrofici, provocati dall’uomo o dalla natura, evitabili o meno. Decenni di crisi e di innumerevoli interventi ci hanno permesso di sviluppare una serie di competenze uniche per fare fronte alle emergenze, sia nel campo della programmazione, cioè l’insieme di politiche ed elaborazioni alla base delle nostre azioni, che in quello della preparazione e risposta.

Il 60% dei rifugiati
vive nelle città o in altri contesti al di fuori dei campi
Ad oggi
continuiamo ad assistere milioni di sfollati e rifugiati o persone prive di beni primari a causa di disastri