Skip to main content

Nell'ultimo decennio, il World Food Programme ha incrementato l'utilizzo di trasferimenti di denaro, in aggiunta alle consegne di cibo, per fornire assistenza alle persone in stato di bisogno. Nel 2016, 14,3 milioni di persone, in 60 paesi, hanno ricevuto assistenza in denaro dal WFP, a fronte dei 9,6 milioni del 2015 e degli appena 3 milioni del 2010. Questa cifra rappresenta un quarto degli interventi dell'organizzazione, con trasferimenti per 880 milioni di dollari, rispetto ai 680 milioni dell'anno precedente. Laddove i mercati funzionano e le condizioni locali lo permettono, i trasferimenti in denaro sono uno strumento efficace per accelerare il progresso verso Fame Zero e raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile entro il 2030. I trasferimenti di contante riducono i costi della fornitura di assistenza alimentare, massimizzando così il numero di persone che possono beneficiarne.

I trasferimenti in denaro rientrano in un piano generale volto a consentire al WFP di rispondere più rapidamente ai bisogni delle persone che assiste. Essi aggiungono flessibilità e agilità all'assistenza tradizionale, consentendo al WFP di passare rapidamente dai trasferimenti di denaro alla fornitura di cibo, e viceversa, a seconda del contesto locale. I trasferimenti avvengono in varie forme, da quelle tradizionali, come le banconote, i bonifici e i voucher, a piattaforme elettroniche più innovative, come smart card o mobile money. All'avanguardia nel campo dello sviluppo tecnologico, il WFP fornisce assistenza in maniera innovativa e con nuove modalità. Ad esempio, grazie al suo Innovation Accelerator, il WFP è leader nell'uso della tecnologia blockchain per distribuire assistenza in denaro ai rifugiati siriani nel campo di Azraq, in Giordania.

I vantaggi dei trasferimenti in denaro - in qualunque forma - sono molteplici. Se utilizzati nel giusto contesto, essi permettono a chi li riceve di scegliere cosa mangiare, il che può portare a regimi alimentari più diversificati e a una migliore nutrizione. Possono migliorare l'accesso al cibo e contribuire a ridurre il bisogno di ricorrere a strategie di adattamento negative, come la vendita di preziosi beni strumentali per acquistare cibo.

Inoltre, ai trasferimenti in denaro è riconosciuto un effetto moltiplicatore sull'economia locale. Dando la possibilità alle persone di acquistare cibo localmente, essi possono contribuire a rafforzare i mercati locali, a incoraggiare i piccoli agricoltori a una maggiore produttività e a costruire le capacità nazionali, anche in tempi di crisi. Studi recenti hanno dimostrato che 1 dollaro in denaro dato a un rifugiato o a una persona vulnerabile si traduce in un vantaggio di circa 2 dollari per l'economia locale. Fra il 2012 e il 2016, i trasferimenti in denaro del WFP hanno immesso circa 2 miliardi di dollari nelle economie di Turchia, Libano, Iraq, Giordania, Egitto e Siria nell'ambito della risposta all'emergenza in Siria.

I trasferimenti in denaro possono inoltre essere integrati in sistemi più ampi di protezione sociale. In particolare, in paesi dove non esistono sistemi di protezione sociale, o ne esistono di deboli, il varo di programmi di trasferimenti in denaro del WFP può contribuire a supportare la creazione o il rafforzamento di tali sistemi. In Ecuador, il programma di trasferimenti in denaro d'emergenza del WFP, in risposta al terremoto del 2016, è stato fondamentale per rafforzare il sistema nazionale di reti di protezione sociale.

14,3 milioni
di persone assistite tramite trasferimenti in denaro nel 2016
880 milioni di dollari
la somma trasferita in denaro dal WFP nel 2016
1/4
degli interventi di assistenza alimentare del WFP avviene ora in denaro